Blog

Come prevenire le allergie primaverili

19

Mar

Commenti: 0
Come prevenire le allergie primaverili

Le allergie, si sa, possono ridurre la qualità della vita di molti di noi: rinite, leggero mal di testa dovuto agli starnuti in successione, senso di ottundimento generale e spossatezza.

Possiamo però provare a prevenirne i sintomi, o quantomeno a renderli più leggeri, seguendo una serie di consigli che vi illustreremo in questo articolo.

Pulizia del naso

L’igiene del naso è molto utile per scongiurare la contrazione di varie malattie che affliggono l’apparato respiratorio e sono relative alle vie aeree alte.

Eseguendo ogni giorno dei lavaggi si arriva a ottenere una efficace pulizia, che rimuove gli allergeni, la polvere, gli agenti inquinanti, i batteri e i virus. Tornano molto utili le soluzioni saline, che donano grossi benefici per la respirazione: l’acqua di mare, grazie alle sue doti antibatteriche, è benefica nella cura delle affezioni del cavo oro-nasale, come la sinusite, e per le malattie da raffreddamento, evitando che gli agenti patogeni prolifichino in queste aree.

Come prevenire con la natura

Sono molte le sostanze vegetali che, grazie a specifici principi antinfiammatori e antistaminici, sono utili nel prevenire o alleviare i sintomi delle allergie stagionali.

Perilla

La perilla ha una importante azione antinfiammatoria che fa diminuire l’intensità delle reazioni allergiche respiratorie e cutanee. È efficace anche per decongestionare le vie nasali e donare relax al respiro.

Ribes nero

È da tempo utilizzato contro i disturbi allergici, nella sua forma di gemmoderivato: l’olio essenziale, i flavonoidi e i glicosidi, svolgono una azione di sostegno per le ghiandole surrenali nella produzione di cortisolo, che sostiene il corpo a combattere le infiammazioni, ovviando temporaneamente alla reazione del sistema immunitario che porta ai sintomi delle allergie.

Rosa canina e carpinus betulus

La rosa canina è utile nella cura della pollinosi, grazie alla sua regolazione della risposta immunitaria, e il carpinus betulus può sostenerne l’effetto, spingendo la sua azione (e quella del ribes nero) verso le zone aeree più alte, dove si manifesta la rinite allergica.

Depurazione

È sempre utile eseguire il drenaggio e la depurazione epatica e prendersi del tempo per eliminare le scorie. Farlo prima di trovarsi nel pieno della primavera è ancora più benefico, perché gli allergeni interagiscono anche con il fegato che, se non depurato, può portare a una reazione più acuta.

È benefico anche rifarsi a sostanze come l’inositolo e l’acido-alpha-lipoico, oppure il cardo mariano e i carciofi, ottimi per la salute del fegato, senza omettere che è altrettanto importante il drenaggio dei reni, per la quale è utile l’assunzione del tarassaco.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure chiedere semplici delucidazioni, non esitare a contattarci. Il nostro team di professionisti sarà lieto di risponderti.

Commenti: 0

Lascia un commento